Anello di 70km tra la Piana degli Ulivi e il Parco delle Dune Costiere

Testi e fotografia a cura di Cristina Navarra

In questa giornata, il nostro itinerario ci porta a esplorare una delle zone più belle della Puglia centro-orientale: la Piana degli Ulivi Monumentali, una distesa di ulivi secolari dallo spiccato valore estetico, che si estende entro i territori di Monopoli e Carovigno adagiandosi tra la linea di costa e le propaggini dell’Altopiano Murgiano.

Partenza da Monopoli verso la collina

Il giro parte da Monopoli per muovere subito verso l’area rurale interna, seguendo strade comunali che serpenteggiano tra muretti a secco e piccoli campi agricoli dedicati a olivicoltura e ortaggi. Alcune ville ben curate scandiscono il passaggio tra le diverse contrade; dopo poco, l’inaspettata e imponente Chiesa seicentesca “Cristo delle Zolle”, cui deriva l’omonima contrada, ci offre spunto per una breve sosta.

Chiesa seicentesca Cristo delle Zolle

Chiesa seicentesca Cristo delle Zolle

Si continua in direzione sud sempre paralleli alla linea di costa e, superato il centro abitato di Fasano, ci si reimmerge nella campagna sempre meno urbanizzata, lungo comunali e strade bianche che ci conducono fino alla piccola frazione di Speziale, dove d’obbligo è uno stop per un corroborante panino a base di salumi, formaggi locali e verdure sott’olio.

Fatta scorta di acqua e cibo, si prosegue verso la litoranea tagliando trasversalmente la frazione di Pisco Marano dove, un po’ nascosta rispetto alla strada principale e posta all’ombra di rigogliose chiome, troviamo una struttura megalitica risalente alla prima età del bronzo probabilmente legata a riti magici, religiosi e funebri: la “Tavola dei Paladini” o più comunemente conosciuta come “Dolmen di Montalbano”.

Antonio e Cristina durante una pausa al Dolmen di Montalbano

Una pausa al Dolmen di Montalbano

Panorami unici e intense suggestioni tra Torre San Leonardo e la Francigena del Sud

Lasciato il dolmen alle nostre spalle proseguiamo lungo la strada principale indicata come Francigena del Sud, una direttrice in prossimità della quale sorgeva l’antica via di collegamento tra Roma e Brindisi, che ci conduce fino al tunnel della ferrovia.

Subito superato il tunnel, pieghiamo a sinistra per imboccare una comunale, poi carrareccia, che dalla fitta campagna ci catapulta nel cuore del Parco Regionale delle Dune Costiere, un’area protetta in cui coesistono differenti ecosistemi e dove gli estesi seminativi sono punteggiati da lussureggianti ulivi dai tronchi maestosi e spiraliformi.

È un pomeriggio di inizio giugno e lo scenario che ci si apre davanti è meraviglioso: lo sguardo si estende ampio nei campi color oro culminando nel blu del mare all’orizzonte e ci sembra quasi di poter nuotare tra le alte spighe in sella alle nostre bici. Mentre le rondini si esibiscono in voli acrobatici, le masserie, attorniate da mura possenti, come guardiani scrutano il nostro passaggio.

Raggiungiamo la litoranea in prossimità dell’impianto di itticoltura del Fiume Morelli, una zona umida retrodunale caratterizzata da stagni di acqua dolce, passerelle e pontili in legno, dove non di rado è possibile osservare avifauna soprattutto migratoria come Garzette, Cavalieri d’Italia o Sgarze ciuffetto.

In bici nel Parco Regionale delle Dune Costiere

In bici nel Parco Regionale delle Dune Costiere

Ritorno a Monopoli per caffè e gelato

A questo punto il nostro itinerario volge al termine, seguendo la linea di costa in direzione nord attraversiamo le frazioni con annessi porticcioli di Torre Canne, Savelletri ed Egnazia dove è possibile osservare alcune strutture dell’omonima città greco-romana, facendo sosta al parco archeologico con annesso museo.

Superate le cave di arenaria in zona “Capitolo” e le torri costiere (T. San Giorgio e T. Cintola), siamo praticamente alle porte della cittadina di Monopoli: un rapido periplo delle antiche mura ci conduce al castello aragonese e al porto vecchio e di qui, raggiunta la centrale Piazza Garibaldi, possiamo finalmente goderci l’arrivo con caffè e gelato.

Verso il Castello Aragonese di Monopoli

Verso il Castello Aragonese di Monopoli

 

×

Ciao!

Contatta la nostra assistenza per ricevere informazioni sulle nostre esperienze o inviaci una e-mail scrivendo a info@ferulaviaggi.it

× Contattaci subito via WhatsApp!